RAZZO deriva

Razzo è  uno sloop di  3,60 x 1,60 a deriva mobile. In realtà è una mezza nave , disegnata e costruita da me per uso personale è una barca pesante e robusta come un peschereccio, abituata agli usi ed agli abusi di una vita all’aperto sulla spiaggia.  Razzo  è larga ed ha l’albero basso, sporgesi sopravvento non serve  e quando si va in tre uno sta sottovento senza che la barca ne soffra. A tutte le andature la barca va da sola,con le vele regolate e spostando un poco i pesi ad hoc non è necessario toccare la barra per orzare o poggiare,meglio sollevare la deriva al lasco.

Non fa una bolina strettissima a meno che non ci sia il “ventone”. Il peso è il suo vero tallone di achille per vararla e soprattutto per alarla in solitario ci vuole una certa pratica ed un fisico robusto.

Costruita in resina su uno stampo femmina di masonite incerata non è costata nulla. Non avendo il gelcoat la vernice va tenuta bene anche se la barca passa in acqua solo una frazione della sua vita. Il piccolo bottazzo è in larice, che tra i legni dolci è il più robusto,sicuramente più del mogano, non tanto meccanicamente quanto agli agenti atmosferici e allo sfregamento superficiale.

La deriva è zavorrata con 20 kg di piombo per renderne  il galleggiamento negativo. spesso penso di metterci un fermo per togliere le vibrazioni quando la barca va forte, ma in pratica non l’ho mai fatto.

I piani da me redatti per l’auto costruzione  sono relativi a un modello di Razzo mai nato di 5,5 m. Razzo può essere inserito  di diritto tra i “Poket cruiser

  • contatta Michele Ansaloni  per i piani di studio: ansa1955@gmail.com.

Lascia un commento